Scopri i The Secret e il Trading

Poniamo per esempio che sia vero che ci sono dei monaci tibetani che curano il cancro in 30 secondi con la forza del pensiero (fonte Gregg Braden). Ma secondo te questo automaticamente autorizza qualunque essere umano a pensare di poter fare la stessa cosa?Non ti passa nemmeno per un secondo per la testa che questi 4 monaci è da quando erano bambini che si allenano e studiano per fare solo ed esclusivamente questo e poco altro?

Trasliamo questa cosa su un esempio più tangibile e meno aleatorio.

Presente Michael Jordan?

E’ vero che chiunque (più o meno della sua stazza) possa ottenere i suoi stessi risultati? Oppure Michael Jordan è una persona speciale?

Sono vere entrambe le cose!

Sì, lui è una persona speciale, non c’è dubbio! Ma non nel senso che sia nato speciale. E‘ diventato speciale, e noi possiamo scegliere in ogni momento di diventare ciò che vogliamo, anche speciali, esattamente come Michael, pertanto possiamo ottenere gli stessi risultati.

Ora è chiara la cosa? Se ti immagini grande trader, lo desideri e lo sogni, non diventerai automaticamente un grande trader. Ma se non ti immagini, non sogni e non lo desideri le probabilità sono ancora inferiori.

 

Il sogno

Occorre anche distinguere tra “sognare” e “usare la testa per costruire la propria vita” E questa è una grave mancanza del filmato.

Il sogno ha un problema: è superficiale.

Per realizzare qualcosa occorre profondità, in maniera direttamente proporzionale all’entità di ciò che vogliamo realizzare. Più è grande l’oggetto del desiderio, più profondità è necessaria.

Sognare, da solo, serve a poco. Se tu sogni una cosa, la desideri, la speri, e poi stai tutto il giorno davanti alla TV a guardare il Grande Bordello, allora non otterrai mai niente, semplicemente perchè “non ci credi”.

Se tu ci credessi, ti “attiveresti“.

Tu pensi di volerlo, ma se avessi la capacità di guardarti in profondità, ti accorgeresti che non è così, non lo vuoi veramente.

Ecco la grande differenza che provoca anche quella selezione naturale tra chi riesce a fare una cosa e chi no. Chi riesce si attiva, si organizza, ci crede, non pensa di poterlo fare, è convinto di poterlo fare (cit. Matrix, che per inciso è una parabola moderna). Se tu ci credi, pensi sia possibile, e lo vuoi in profondità, è ovvio che intraprenderai delle azioni per farlo succedere. Sei tu che fai le cose, le cose dipendono da te. Se aspetti che le cose accadano da sole, solo perché le stai sognando, e non sei tu a fare in modo che accadano, non ci credi veramente. Lo speri, ti piacerebbe, lo sogni, ma non ci credi e forse non lo vuoi nemmeno a livello profondo.

Ecco perchè devi agire per ottenere dei risultati!

Posted in Uncategorized.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *